Effemeridi

Cancro
Sole in Cancro
4 gradi
Leone
Luna in Leone
22 gradi
Luna Crescente
Luna Crescente
di 4 giorni
Powered by Saxum
Mercoledì, 24 Giugno 2015 00:00

JANNACCI A RICHIESTA

Scritto da  successivamente
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Ci è stata richiesta una canzone dello "Jannacci prima maniera" che raccontava la vita e le storie semplici della sua Milano. Questa narra la storia di un amore nato all'uscita della fabbrica e finito alla fiera di Rogoredo... Traduzione per i non milanesi

  • Quest ca sunt dré a cüntavv, l'è 'na storia vera,
  • de vün che l'è mai stà bún de de di de no
  • I s'era conossü visin la Breda,
  • lee l'era d' Ruguréd e lü... su no!
  • Questa che vi sto raccontando è una storia vera,
  • di uno che non è mai stato capace di dire di no;
  • Si erano conosciuti vicino alla Breda,
  • lei era di Rogoredo e lui... non so!
   
  • Un dì lü l'era menada a vidè la Fera,
  • la gh'eva un vestidin color trasú;
  • disse: "vorrei un krapfen... non ho moneta"
  • "Pronti!" El gh'ha dà dés chili... e l'ha vista pü!
  • Un giorno l'aveva portata a veder la fiera
  • lei aveva un vestitino color vomito,
  • gli disse: “vorrei un krapfen... non ho moneta”
  • “Pronti!” le ha dato 10.000 £ e non l'ha vista più!
.  
  • Andava a Rogoredo, cercava i suoi danée;
  • girava per Rogoredo e vosava come un strascée:
  • "No, no, no no, non mi lasciar
  • “No, no, no no, non mi lasciar, mai, mai, mai!"
  • Andava a Rogoredo a cercare i suoi quattrini
  • girava per Rogoredo e urlava come uno stracciaio
  • "No, no, no no, non mi lasciar,
  • “No, no, no no, non mi lasciar, mai, mai, mai!"
   
  • Triste è un mattin d'Aprile senza l'amore!
  • Gh'era vegnü anca in ment d'andà a 'negass
  • là dove el Navili l'è pussé negher,
  • dove i barcún i poeden no 'rivà..
  • Triste è un mattino d'Aprile senza l'amore!
  • Gli era venuto anche in mente di annegarsi
  • là dove il Naviglio è più nero (profondo)
  • dove anche i barconi non arrivano
   
  • E l'era bel fermott de giamò un quart d'ura,
  • e l'era passà anca el temp d'andà a timbrà:
  • "...mi credi che d'massàmm, ghe poeuss pensar süra,
  • 'dess voo a to' i mè dés chili... poi si vedrà!"
  • Ed era li immobile da un quarto d'ora
  • era passata anche l'ora di timbrare (il cartellino)
  • "...credo che di ammazzarmi posso pensarci sopra,
  • adesso vado a cercare il mio “deca” poi si vedrà!"
   
  • Andava a Rogoredo, cercava i sò danée;
  • girava per Rogoredo e vosava come un strascée:
  • "No, no, no no, non mi lasciar,
  • “No, no, no no, non mi lasciar, mai, mai, mai!"
  • Andava a Rogoredo a cercare i suoi quattrini
  • girava per Rogoredo e urlava come uno stracciaio
  • "No, no, no no, non mi lasciar,
  • “No, no, no no, non mi lasciar, mai, mai, mai!"

 

 

Letto 781 volte Ultima modifica il Mercoledì, 24 Giugno 2015 06:44