Effemeridi

Cancro
Sole in Cancro
6 gradi
Vergine
Luna in Vergine
19 gradi
Primo Quarto di luna
Primo Quarto di luna
di 6 giorni
Powered by Saxum
Giovedì, 30 Ottobre 2014 09:32

i-Diots

 

Comodi per chi lavora ed ha bisogno di tenersi in contatto con clienti e/o fornitori.
Utili per rappresentanti che in 100 grammi possono condensare cataloghi del peso di decine di Kg. Sovradimensionati e inutili per il 90% degli utilizzatori. Ma fanno tendenza, sono oggetti del desiderio, se non ne hai uno all'ultimo grido non sei nessuno. E costano cifre folli! Per le esigenze del 63% degli utilizzatori (documentato da statistiche reali) sarebbe sufficiente un Nokia da 15 Euro ma, per i motivi citati sopra, la gente spende 200-300-500 Euro e oltre.
Fino alla follia di passare la notte a dormire in strada per essere i primi ad avere l'onore di spendere 1.000 Euro per l'ultimo arrivato, il top dei top, l'iPhone 6 Plus. Per poter immediatamente lanciare la notizia su Twitter, Facebook, Watsapp, Instagram e chi più ne ha più ne metta... la "lieta novella". Con messaggi  che ricordano tanto il Marchese Del Grillo del mitico Alberto Sordi: "Io so' io e voi nun siete un cazzo!"
In Italia manca il lavoro, mancano (dicono) i soldi ma non mancano i costosissimi smartphone. Infatti siamo, nel mondo, i maggiori consumatori di questi aggeggi. Al punto che sono diventati la causa di una patologia psichiatrica nota come F.O.M.O. - fear of missing out, la paura di essere tagliati fuori - il malessere che attanaglia quando non si riesce a mettersi in contatto con gli altri sfigati del "branco".

Non poteva mancare chi, guardando a queste follie, le prendesse amabilmente in giro con un video che sta facendo il giro del mondo. Un video con un titolo che è un giudizio brutale: i-Diots

 

 

Pubblicato in RACCOLTA
Domenica, 27 Gennaio 2013 15:55

F. O. M. O. - Fear of missing out

Non se ne trova traccia nella letteratura medica italiana. Eppure a tutti noi è capitato di leggerne i sintomi su qualche faccia e di vedere il crescendo di agitazione di chi ne è afflitto. Si tratta di una patologia delle tante provocate dall'uso smodato di Internet. Gli americani la chiamano F.O.M.O. -Fear of missing out – la paura di restare “tagliati fuori” -

Fuori dal giro degli “amici” di Facebook, fuori dal gruppo che si ritrova in qualche social forum oppure quando non trovano l'amico/a del cuore in una delle innumerevoli chat lines. In queste situazione chi non riesce a contattare i “ricercati” si sente spaesato/a e allarmato/a per la paura di venire estromesso/a dal gruppo, per la paura che gli altri possano divertirsi anche senza di lui/lei.

Va incontro a crisi di panico simile a quelle che capitano nei sogni quando si prova il terrore di cadere nel vuoto. Perché a loro, in quel momento è come se mancasse la terra sotto i piedi. Si sentono sospesi nel vuoto e tragicamente soli. Anche se sono su un autobus nelle ore di punta. Perché tutte quelle persone che stanno intorno non rappresentano il loro mondo.

La patologia li ha portati a vivere inconsapevolmente in una realtà virtuale che per loro è l'unica e sola vita possibile.

 
 

 

Pubblicato in RACCOLTA